EntiOnLine
Categorie
indietro
28/04/2022 GDPR-DPO ENTIONLINE: A seguito di una segnalazione, l'assistente sociale ha diritto di utilizzare le cartelle sociali per produrre chiarimenti al Collegio?

A seguito di una segnalazione, l'assistente sociale ha diritto di utilizzare le cartelle sociali per produrre chiarimenti al Collegio?

Il documento è riservato agli abbonati

Per qualsiasi informazione inerente i prezzi o le modalità di effettuazione del servizio, contatta l'agente di zona oppure scrivi a info@entionline.it
o telefona allo 030/2531939.

In relazione al quesito formulato, il parere del Servizio GDP-RDPO Entionline è nei termini che seguono.

  • L'assistente sociale ha diritto di utilizzare informazioni e documenti detenuti nella cartella sociale per produrre i chiarimenti richiesti dal Collegio Territoriale di Disciplina dell'Ordine delle Assistenti Sociali della Regione a seguito di una segnalazione fatta da un utente del servizio.

  • A tal fine, l'assistente sociale è tenuta a formulare informale richiesta di accesso alla documentazione in possesso dell'Ufficio Servizi Sociali del Comune per acquisire copia della documentazione strettamente necessaria alla propria difesa nel giudizio.

  • La richiesta va evasa con ricorso alla disciplina dell'accesso informale di cui articolo 5 d.p.r. 184/2006, non essendo individuabili "controinteressati" a cui effettuare la notifica della richiesta di accesso (salvo il caso in cui emerga, dall'esame degli atti da rilasciare, l'esistenza di soggetti terzi rispetto alle parti coinvolte nel procedimento disciplinare). Al riguardo si ricorda che, per "controinteressati", si intendono tutti i soggetti, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall'esercizio dell'accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza.

  • Il rilascio dei documenti, in accoglimento della richiesta di accesso formulata dell'assistente sociale, va effettuato in via telematica, con tutte le misure di sicurezza informatica che il Comune è tenuto ad applicare i servizi online sopratutto se contenenti dati particolati ( es. criptazione dei dati), e va effettuato attuando rigorosamente i principi di liceità e di minimizzazione con conseguente omissione o oscuramento dei dati eccedenti e non pertinenti nonché dei dati riferiti a persone fisiche terze (rispetto al nucleo familiare segnalante) se non assolutamente necessari alla difesa nel suddetto giudizio.

  • L'accoglimento della richiesta di accesso deve contenere anche la doverosa e opportuna prescrizione in ordine al trattamento dei dati personali contenuti nelle informazioni e nei documenti rilasciati, per quanto concerne le misure di sicurezza da applicare nella trasmissione al Collegio Territoriale di Disciplina.

All Privacy Entionline - Servizio online, in cloud e con tecnologia ICT, GDPR e DPO

L'Avvocato cassazionista, amministrativo-contabile, Responsabile del Servizio Protezione Dati Personali (RPD)

Banca dati